Dall’Olanda arriva Loop, la “bara vivente”

Il ricercatore della TU Delft Bob Hendrikx ha progettato una bara vivente fatta di micelio. Il micelio crea un vero e proprio “bozzolo vivente” che aiuta il corpo a “compostare” in modo più efficiente, rimuove le sostanze tossiche e produce condizioni più ricche in cui far crescere (nuovi) alberi e piante. Dopo numerosi test, anche in collaborazione con due importanti cooperative funerarie – CUVO (L’Aia) e De Laatste Eer (Delft) – questa nuova forma di sepoltura è pronta per essere applicata nella pratica. Il primo del lotto iniziale limitato di dieci bozzoli viventi è già stato utilizzato.

Il micelio normalmente cresce sottoterra nella complessa struttura delle radici di alberi, piante e funghi. È un organismo vivente in grado di neutralizzare tutti i tipi di sostanze tossiche e fornisce nutrimento a tutto ciò che cresce al di sopra del suolo. Bob Hendrikx, che ha fondato Loop, chiama il micelio “il riciclatore della natura”: «È costantemente alla ricerca di materiali di scarto da convertire in nutrienti per l’ambiente. Fa lo stesso con le sostanze tossiche, inclusi olio, plastica e metallo. Ad esempio, il micelio è stato utilizzato a Chernobyl, è utilizzato a Rotterdam per ripulire il suolo e alcuni agricoltori lo applicano anche per rendere la terra di nuovo sana».

«Il bozzolo vivente consente alle persone di diventare di nuovo tutt’uno con la natura e di arricchire il suolo, invece di inquinarlo», afferma Hendrikx. La velocità con cui un corpo si degrada e composta dipende generalmente da varie condizioni, ma l’esperienza mostra che può richiedere più di un decennio. Le parti verniciate e metalliche di una bara, così come gli indumenti sintetici, possono persistere anche più a lungo. Loop si aspetta che la loro bara sarà in grado di completare l’intero processo in due o tre anni, perché contribuisce attivamente al processo di compostaggio. In questo processo, non solo i prodotti di scarto del corpo umano vengono convertiti in nutrienti, ma viene anche migliorata la qualità del suolo circostante, dando alla nuova vita l’opportunità di prosperare.

Test pratici condotti da Ecovative in America hanno dimostrato che la bara viene effettivamente assorbita dalla natura entro 30-45 giorni, in condizioni simili a quelle normali olandesi. Al fine di quantificare l’impatto positivo sulla qualità del suolo, Loop è pronta a unire le forze con i ricercatori di Naturalis per condurre ulteriori ricerche sull’aumento della biodiversità che questa forma di sepoltura può aiutare a raggiungere. Hendrikx spiega: «Vogliamo sapere esattamente quale contributo apporta al suolo poiché questo ci aiuterà a convincere i comuni locali in futuro a trasformare le aree inquinate in boschi sani, utilizzando i nostri corpi come nutrienti».

Le persone dietro Loop, che si trova nell’incubatore YES!Delft, hanno avuto ampi colloqui con i direttori dei funerali su questo nuovo prodotto. Hendrikx: «Capiscono come funziona in pratica il processo di sepoltura, consigliano le famiglie nelle loro scelte, gestiscono i luoghi di sepoltura e conoscono tutti i requisiti logistici per la sepoltura. Questa è tutta una conoscenza preziosa che hanno contribuito al processo di sviluppo. »

Frank Franse, direttore di CUVO e De Laatste Eer aggiunge: «In qualità di agenzia funebre regionale, riteniamo che sia importante essere coinvolti in un’innovazione sostenibile come questa. Si adatta al nostro obiettivo di essere un servizio funebre cooperativo sostenibile».

Dopo diversi test, il primo lotto di dieci bare viventi stato realizzato e la CUVO ha già potuto condurre il primo funerale con questa bara. Per Hendrikx «Dopo mesi di sviluppo, è stato un momento davvero impressionante poter finalmente segnare la morte di qualcuno in questo modo straordinario».

Visione sull’uso di materiali vivi

Bob Hendrikx (il fondatore di Loop) spiega la sua visione sull’utilizzo di materiali viventi: «Attualmente viviamo nel cimitero della natura. Il nostro comportamento non è solo parassitario, è anche miope. Stiamo degradando organismi in materiali morti e inquinanti, ma cosa succederebbe se li mantenessimo in vita? Immagina: una casa che respira e una maglietta che cresce con te».

 

Maggiori informazioni: loop-of-life.com

Contatto: Bob Hendrikx +31617747426 bpwhendrikx@gmail.com

 

Altri articoli

0 Comment