National Geographic racconta a tutto il mondo i nostri Colleghi in prima linea contro il coronavirus

National Geographic ha pubblicato un reportage dalla Lombardia sulla parte meno raccontata della tragedia portata dall’epidemia di SARS-CoV-2: il ruolo degli Operatori funebri e l’impatto che una quantità mai vista né ipotizzata di morte e spavento ha avuto sulle loro vite.

Chiara Gioia, una fotografa professionista, ha scattato le immagini potenti di questo articolo e raccolto le storie dei nostri Colleghi, che ha poi raccontato a Nina Strochlic; il risultato è un articolo che nella versione integrale in lingua inglese potete trovare sul sito globale di National Geographic: www.nationalgeographic.com/history/2020/06/undertakers-who-served-on-coronavirus-frontlines-now-struggling.

L’articolo che pubblichiamo qui è stato condensato per rispettare il copyright dell’Editore, e la ritraduzione dall’inglese all’italiano potrebbe non essere rispettosa delle parole originali dei nostri Colleghi né del lavoro delle due Autrici, che ringraziamo davvero per il loro sforzo, per avere raccontato con così tanta attenzione e delicatezza quei giorni visti dal nostro lato.

 

 

Hanno prestato servizio lungo la prima linea del coronavirus: ora stanno lottando contro ciò che hanno visto nell’epicentro della pandemia.

In Italia, uno dei paesi più colpiti dal coronavirus, il tasso di mortalità sta rallentando. I forni crematori precedentemente schiacciati dall’arretrato stanno recuperando terreno e nelle chiese non ci sono più pile di feretri. I funerali pubblici, che erano stati banditi il 10 marzo, sono stati nuovamente autorizzati a partire dal 4 maggio. Ma per gli Operatori del comparto funerario che hanno trascorso mesi in prima linea, la battaglia contro COVID-19 non è finita.

Mentre il Paese cerca di allentarsi dalla pandemia, impresari come Roberta Caprini continuano a sentire tutti gli effetti mentali del virus. «A volte tornavo a casa di notte, esausta, e avrei voluto cancellare un po’ quello che avevo visto durante il giorno», ha detto. Mesi dopo, non ha ancora avuto il tempo di elaborare tutto quello che è successo. «Non mi sono ancora veramente presa una pausa. Non sono sicura di cosa accadrà quando [lo farò].»

Scrive Chiara Gioia: ad aprile, poche settimane dopo il culmine della pandemia, ho trascorso una settimana a fotografare il lavoro di oltre 20 Operatori funebri, tra cui la signora Caprini, nel nord Italia. Anche adesso, è difficile riflettere. Sono una fotografa professionista dal 2008. Ho visto sofferenza. Ho visto cose brutte, ma non sono mai stata in guerra. Non mi piace pensare alla pandemia come a una guerra, ma i necrofori che ho incontrato mi hanno detto che è come l’hanno sentita loro. Dicono che il numero di persone uccise dal virus in Italia – ora circa 33.500 – è paragonabile a quelle uccise in un conflitto militare.

Le persone che ho incontrato lavorano nella regione Lombardia, che comprende le città di Bergamo, Brescia e Inveruno, ed è stata al centro dello scoppio dell’epidemia in Italia. Ogni giorno, ho guidato da casa mia a Milano, lungo l’autostrada A4, in genere la più trafficata dell’Italia settentrionale. Spesso ero l’unica sulla strada. I luoghi che ho attraversato erano città fantasma. Un giorno mi sono fermata in una chiesa a Seriate, vicino a Bergamo, dove due sacerdoti stavano eseguendo un breve rito su 27 bare piene di persone morte per COVID-19. Successivamente, l’esercito avrebbe trasportato le bare per essere cremate. I crematori erano sono così sopraffatti che l’esercito ha dovuto portarle in altre città italiane. Era caotico: per alcune famiglie sono passate settimane prima che scoprissero dove fossero i loro parenti defunti.

Tante persone stavano morendo in quei giorni, e le bare venivano conservate in chiese, ospedali, pompe funebri e case di cura prima di andare al crematorio. In un paese cattolico come l’Italia, lunghi funerali pieni di familiari, amici e parenti anche distanti sono una tradizione profondamente radicata. Ma durante il blocco, quando i funerali furono banditi, solo quattro parenti erano ammessi alle sepolture.

A febbraio, mentre il coronavirus si insinuava in Italia, i necrofori si occupavano dei funerali come al solito. Hanno raccolto corpi dagli obitori degli ospedali e hanno dovuto entrare nelle terapie intensive e nei pronto soccorso per raccogliere i documenti dei defunti. A Bergamo, Antonio Ricciardi, presidente del Centro Funerario Bergamasco, mi ha detto di non poter dimenticare ciò che aveva visto nei pronto soccorso: gente che ansimava per l’aria, incapace di alzarsi in piedi nei corridoi. Un giorno attraversò una stanza piena di corpi. L’aria era in fermento con il suono dei cellulari che squillavano. Nessuno era lì per rispondere.

Nei primi giorni di questa storia, gli Operatori funerari svolgevano il loro lavoro senza dispositivi di protezione; di conseguenza, molti si sono ammalati e alcuni sono morti. Loro, insieme ai sanitari, furono tra i primi a rendersi conto della gravità della situazione. Il governo non ha fornito assistenza per questi lavoratori in prima linea. Mi hanno detto che si sono sentiti dimenticati, quindi hanno protestato.

Roberta Caprini era tra quelli che protestavano. Sentiva di non avere scelta. Lei, suo fratello e suo cugino hanno dovuto occuparsi dell’azienda di famiglia quando suo padre e suo zio si sono ammalati di COVID-19. Da allora, come altri impresari di pompe funebri, hanno fatto il possibile: inviare foto di persone care decedute a famiglie non autorizzate a partecipare a funerali e recuperare oggetti personali come fedi nuziali e telefoni cellulari lasciati negli ospedali. Una volta, mentre trasportava il corpo di una vittima di un virus, Caprini fece una deviazione per guidare lentamente sotto la casa del defunto, in modo che i suoi parenti, messi in quarantena all’interno, potessero avere un ricordo finale di lui – qualcosa che poche persone erano in grado di avere.

Dopo le proteste, il governo ha accettato di fornire equipaggiamento protettivo e bandito i funerali. Ha inoltre vietato vestire i corpi dei defunti, il che ha reso più sicuri il lavoro dei necrofori, ma ha anche portato via una parte importante della loro attività.

I protocolli erano severi. Gli Operatori di pompe funebri indossavano l’equipaggiamento protettivo completo. Negli ospedali, i defunti venivano messi in una doppia busta, deposti in una bara sigillata per 12 ore e poi portati via per essere sepolti o cremati.

Durante quei mesi, la maggior parte dei necrofori ha lavorato in turni da 11 a 12 ore senza interruzione. Alcuni hanno detto che era “solo una parte del lavoro”. Non credo che qualcuno possa uscire da questo inalterato, non quando sei circondato da tanta morte. Molti con cui ho parlato sono stati profondamente colpiti e continuano a essere perseguitati dall’esperienza.

Per esempio, Fabio Brignoli che ha 28 anni ed è un necroforo da quando aveva 18 anni. In quei dieci anni, ha detto, non aveva mai avuto incubi. Ora, quando torna a casa dopo il lavoro, chiude gli occhi e vede le bare – «quelle bare con i nomi a volte scritti con i pennarelli», ha detto.

Antonio Ricciardi, il direttore funebre di Bergamo, aveva tanta paura di infettare la sua famiglia che ha dormito sul divano letto nel suo ufficio per due mesi. Dormiva per cinque o sei ore irrequiete, consumato dall’ansia. «Avevo paura di morire», ha ricordato. «Non ho mai provato questa paura prima d’ora. Ma ascoltare tutte queste storie e vedere morire tutte queste persone in pochi giorni mi ha fatto molto preoccupare

Ero spaventata anch’io. Lavorando nel mezzo del coronavirus in Italia, non potevo permettermi di fare errori. Indossavo due maschere insieme a guanti e mi disinfettavo le mani ogni tre minuti. Ma dopo che molti Operatori funerari sono stati testati per gli anticorpi, mi sono resa conto che probabilmente ero nel posto più sicuro. Sebbene questi test non siano del tutto affidabili, mi hanno dato conforto. Quando i dipendenti del Centro Funerario Bergamasco di Bergamo hanno sostenuto il test, è emerso che la maggior parte di loro probabilmente aveva avuto il virus prima, probabilmente a metà febbraio, quando alcuni hanno ricordato di essere malati per alcuni giorni.

Ora il divieto funebre è stato revocato, ma ci sono ancora restrizioni. I funerali sono ammessi nelle chiese, ma con non più di 15 persone, che devono rimanere distanti e indossare maschere. È ancora vietato vestire i defunti.

In città come Brescia, era vietato seppellire le ceneri fino a due settimane fa. Così le urne sono state messe da parte nei crematori e nelle case funebri. A metà maggio, ho partecipato a una cerimonia in cui circa 350 urne sono state benedette all’interno di una piccola cappella nel cimitero della città. A officiare la cerimonia c’era il vescovo di Brescia, da solo, poi i politici locali e i media. In seguito, le ceneri sono state restituite ai parenti per seppellirle o tenerle.

Nessuno sa quali saranno gli effetti duraturi di COVID-19. Mentre l’Italia riapre lentamente, le persone stanno iniziando a emergere dalle loro case. Alcune settimane fa, eravamo terrorizzati dal contagio. Ora le persone stanno gradualmente tornando alle normali routine. Alcuni mangiano nei ristoranti. Il tasso di infezione e il bilancio delle vittime stanno diminuendo, ma non siamo ancora fuori pericolo.

Mario Ortelli, che lavora da 20 anni come necroforo, ha affermato che il numero di morti per coronavirus a Bergamo lo ha scosso. «Grazie a Dio ora la situazione è quasi tornata alla normalità”, ha detto. “Ma ne sarò sempre sfregiato. Sarà impossibile dimenticare

Roberta Magoni ha visto molte persone anziane nella sua Nembro soccombere al coronavirus e ha provato sollievo che i suoi genitori fossero morti due anni fa, quando era in grado di stare con loro. «Questo è stato peggio di una guerra», ha detto. «Almeno durante una guerra, le persone sono in grado di restituire i resti dei morti per un funerale.» Ora, i parenti non sono stati in grado di elaborare emotivamente le morti e si preoccupa: «ci saranno conseguenze psicologiche.»

Le persone che comprendono i rischi e i sacrifici corsi dagli Operatori funebri italiani ora li apprezzano ancora di più. Ma, purtroppo, questi lavoratori lottano ancora con idee sbagliate. Per molto tempo hanno svolto il loro lavoro sotto una nuvola di vecchie superstizioni. Ne esiste ancora una traccia, ma la maggior parte ne ride. Di recente, alcuni tra il pubblico e i media hanno accusato questi lavoratori essenziali di trarre profitto dal bilancio delle vittime della pandemia. Non è vero, mi hanno spiegato. Sì, sono state sepolte più persone morte per il virus, ma senza servizi come vestire il corpo e pianificare il funerale, che costituiscono la maggior parte dei profitti del settore.

Ricciardi mi ha detto che la sua casa funebre, una delle più grandi di Bergamo, ha condotto 1.090 funerali a marzo, contro i circa 1.300 in un anno intero. Entro la fine dell’anno, ha affermato, potrebbe essere necessario licenziare personale a causa della perdita di profitti.

Stefano Vergani, che gestisce con suo fratello Christian Vergani la casa funeraria Il Giardino Degli Angeli” a Inveruno, ritiene che le sepolture scarne e rapide cui sono stati costretti al culmine della pandemia siano state una rivelazione che ha aperto gli occhi a molti. «Le persone non diventano consapevoli del brutto fino a quando non lo vedono», ha detto.  Sulla scia della crisi sanitaria, Vergani vede un lato positivo: forse ora, la possibilità di dire addio al defunto non sarà data per scontata. E i servizi funebri assenti durante il blocco – dagli ospiti alla presentazione della bara – saranno apprezzati.

 

Chiara Gioia è una documentarista e fotografa di viaggio che vive in Italia.
Negli ultimi 10 anni ha lavorato tra Asia ed Europa, lavorando per pubblicazioni internazionali.
Visita il suo sito Web su www.chiaragioia.com e seguila su Instagram su www.instagram.com/p/CA73ClCDVqZ/

Link allarticolo integrale in lingua inglese sul sito di National Geographic: www.nationalgeographic.com/history/2020/06/undertakers-who-served-on-coronavirus-frontlines-now-struggling.

 

 

L’immagine di copertina è una porzione di quella dell’articolo originale: a Inveruno, alle porte di Milano, un impiegato delle Onoranze Funebri Vergani pulisce un carro funebre dopo essere stato usato per trasportare la bara di un defunto da casa sua, la didascalia dell’immagine ricorda che all’inizio di questa crisi i necrofori in Italia lavoravano con poche protezioni e molti di loro probabilmente hanno contratto il virus. 

Altri articoli

0 Comment