George Parrot, il bandito trasformato in scarpe e borse.

Il “selvaggio West” era davvero selvaggio, e questa storia ce ne dà una dimostrazione evidente.
George Parrot (nato il 20 marzo 1834), era un bandito “specializzato” nel rubare bestiame e derubare i viaggiatori nelle rotte del West la cui pelle è stata trasformata in un paio di scarpe dopo il linciaggio mentre una parte del suo cranio è stata utilizzata come posacenere.

Nel febbraio 1879, Parrot e la sua banda misero a segno un furto in danno di un ricco commerciante, Morris Cahn, con un bottino di almeno centomila dollari attuali, e ciò nonostante il commerciante viaggiasse con un convoglio militare contenente 15 soldati.

Nel 1880 in seguito alla rapina di Cahn, Parrot e il suo secondo, Charlie Burris , furono arrestati a Miles City, da lì Parrot venne estradato nel Wyoming dove era accusato di omicidio.
Parrot fu condannato all’impiccagione il 2 aprile 1881 a seguito di un processo per l’omicidio di due investigatori a seguito di una rapina a un treno, ma cercò di scappare mentre era detenuto in un carcere di Rawlins, nel Wyoming. Parrot riuscì a limare i rivetti delle grosse catene sulle caviglie, usando un coltello da tasca e un pezzo di arenaria. Il 22 marzo, dopo aver rimosso le catene, si nascose nel bagno fino a quando lo sceriffo Robert Rankin entrò nella zona. Usando le catene, Parrot colpì Rankin sopra la testa, fratturandogli il cranio; nonostante questo lo sceriffo riusciva a reagire, chiedendo aiuto a sua moglie Rosa che con una pistola riusciva a “convincere” Parrot a tornare nella sua cella.
La notizia del tentativo di fuga si diffuse attraverso Rawlins e gruppi di persone iniziarono a dirigersi verso la prigione. Mentre lo sceriffo giaceva in fase di recupero, uomini mascherati con pistole irruppero nella prigione, presero le chiavi e trascinarono Parrot fuori dalla sua cella consegnandolo a una folla di oltre 200 persone che lo linciò e appese a un palo del telegrafo.

A questo punto il racconto diventa veramente macabro: i dottori Thomas Maghee e John Eugene Osborne si impossessarono del corpo di Parrot dopo la sua morte, per studiare il cervello del fuorilegge alla ricerca di indizi sulla sua criminalità. La parte superiore del cranio di Parrot fu tagliata grossolanamente e la calotta cranica fu regalata a Lillian Heath, 15 anni, poi assistente medico di Maghee. Lillian Heath è diventata la prima dottoressa in Wyoming e si dice che abbia usato la calotta come un portacenere, un portapenne e un fermaporta. Fu anche creata una maschera mortuaria sul viso di Parrot, e la pelle delle sue cosce e del torace fu rimossa. La pelle, compresi i capezzoli del morto, fu spedita in una conceria a Denver, dove fu trasformata in un paio di scarpe e in una borsa medica. Questi articoli furono tenuti da Osborne, che indossò le scarpe al suo ballo inaugurale dopo essere stato eletto come primo governatore democratico dello stato del Wyoming. Il corpo smembrato di Parrot fu immagazzinato in una botte di whisky riempita con una soluzione salina per circa un anno, mentre gli esperimenti continuarono, fino a quando fu sepolto nel cortile dietro l’ufficio di Maghee.
La morte di Parrot fu dimenticata fino all’11 maggio 1950, quando i muratori dissotterrarono un barile di whisky pieno di ossa mentre lavoravano alla Rawlins National Bank in Cedar Street a Rawlins. All’interno del barile c’era un teschio con la parte superiore segata, una bottiglia di composto vegetale e le scarpe che si diceva fossero state fatte con la carne di coscia di Parrot. La dottoressa Lillian Heath, allora ottantenne, fu contattata e la calotta cranica ancora in suo possesso mostrò di adattarsi perfettamente al cranio nel barile, in seguito i test del DNA confermarono che i resti erano quelli di George Parrot. Oggi le scarpe realizzate con la pelle di Parrot sono esposte permanentemente al Carbon County Museum di Rawlins, insieme alla parte inferiore del cranio del fuorilegge e alla maschera mortuaria, le catene utilizzate durante l’impiccagione del fuorilegge, così come la calotta cranica, sono in mostra al Museo del Pacifico dell’Unione a Omaha, nel Nebraska. La borsa fatta con la sua pelle non è mai stata trovata.

Altri articoli

0 Comment