DA FIRENZE FEDERCOFIT RIPRENDE IL SUO CAMMINO RINNOVATA E PIÙ FORTE

Il Congresso di Firenze si è chiuso con la meravigliosa e gioiosa cena sulle rive dell’Arno all’“ombra”, anche se con la luna, degli Uffizi e di Ponte Vecchio.

Dal Congresso di Firenze riparte una Federcofit più forte, più compatta e motivata proiettata a svolgere un ruolo centrale nel futuro della funeraria italiana.

A Firenze gli On. Sara Foscolo e Giuseppe Bellachioma, l’una di persona Beppe in collegamento telefonico, hanno presentato ed illustrato il nuovo Disegno di Legge “Disciplina delle attività funerarie, della cremazione e della conservazione o dispersione delle ceneri”, AC1143, primo testo presentato in Parlamento per riattivare e concludere, finalmente, il percorso ventennale della Riforma del settore funebre e cimiteriale.

Da Firenze, Federcofit riparte con una squadra rafforzata, arricchita di nuove presenze e compatta.

Non solo, e non voglio sottolinearlo più del necessario, la mia riconferma ed elezione a Presidente ha visto l’unanimità dei voti ma, e non mi stancherò mai di sottolinearlo, la Federazione riparte da Firenze con un nuovo Segretario, Riccardo Salvalaggio, che potrà mettere a frutto l’esperienza maturata con Caciolli e nuova energia e con un nuovo Vicepresidente, Giovanni Caciolli, che, dopo vent’anni di presenza alla guida della Federazione, potrà dare ancora un grande contributo di esperienza e di conoscenza, anche se con un ruolo, operativamente, meno impegnativo e pesante.

Certamente molti sono i problemi che ci stanno di fronte sul piano politico e su quello organizzativo nei diversi territori; il Congresso ci ha aiutato a definire una squadra capace di affrontarli e risolverli positivamente.

Il Congresso di Federcofit, ancora una volta, dopo Roma e Milano, e forse ancora di più, ha realizzato l’obiettivo di offrire alla categoria ed all’opinione pubblica un messaggio importante: la missione della funeraria nella società italiana deve essere sempre di più oggetto di attenzione e di cure da parte delle Istituzioni. Non si tratta di un problema interno ad un settore od ai soli addetti ai lavori: il decesso, la memoria, la cura dei defunti è, e deve essere sempre più, un tema di grande rilevanza sociale e, conseguentemente, di grande attenzione e cura anche da parte delle Istituzioni. La presentazione del nuovo DDL da parte degli On. Foscolo e Bellachioma, la presenza del Presidente della Giunta Regionale toscana, Dott. Eugenio Giani, dell’Assessore Regionale Dott.sa Stefania Saccardi, dell’Assessore del Comune di Firenze Dott.sa Sara Funaro sono la manifestazione concreta dell’attenzione da parte delle Istituzioni non solo per Federcofit, e di questo ne siamo particolarmente orgogliosi, ma anche e soprattutto, l’attenzione per i problemi della FUNERARIA ITALIANA nel suo complesso dimostrando che la nostra Federazione gioca un ruolo centrale e molto positivo per tutto il settore.

Usciamo dal Congresso con molta soddisfazione per la consapevolezza di una nostra crescita e per avere rafforzato i rapporti ed i legami con le componenti ed organizzazioni che operano nel settore: con gli amici di ANUSCA che ci hanno gratificato con la presenza di Graziano Pelizzaro e di Lorella Capezzali con i quali ci lega una lunga tradizione di collaborazione, con Assocofani il cui Presidente ha voluto offrire alla nostra riflessione il tema, importantissimo, della qualità dei prodotti e del made in Italy…

Mi è dispiaciuto molto che Feniof, nonostante i ripetuti inviti, abbia voluto disertare questo appuntamento che sarebbe potuto essere una ulteriore opportunità di condivisione e approfondimento su messaggi e contenuti per il nostro settore, tuttavia registriamo la presenza di Sefit per nome del dott. Riccardo Tugnoli e della segreteria di Efi con il dott. Carmelo Pezzino.

Infine, non possiamo, e non posso neppure sul piano strettamente personale, non esprimere un ringraziamento calorosissimo ai tanti espositori che presenziano alle nostre iniziative e che, anche in questo Congresso hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa.

Ci gratifica la loro presenza e garantiamo a tutti, lo assicuro anche come Presidente, che Federcofit darà immediatamente il via ad un momento di interna e profonda analisi per riuscire a garantire le future aspettative ed a rafforzare il legame che si è sviluppato in questa esperienza.

Abbiamo sempre avuto grande memoria di chi ci ha sostenuti e dopo questo evento non faremo eccezione riservando doverosa attenzione in occasione di futuri eventi condivisi.

È doverosa una collaborazione stretta con tutti loro perché i loro prodotti contribuiscono decisamente alla tenuta dei livelli qualitativi dei servizi offerti alle famiglie ed alla soddisfazione delle domande che si sviluppano nel settore.

A tutti gli operatori, anche a quelli che hanno erroneamente mancato l’appuntamento fiorentino, un abbraccio ed un augurio di buon lavoro dal Presidente

Cristian Vergani

Altri articoli

0 Comment